RE.DA https://www.arredorealistico.com Arredo Realistico in Cartone Fri, 17 Jul 2020 15:39:49 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=5.5.3 8 motivi per fare Home Staging spiegati da Gian Luigi Sarzano [INTERVISTA] https://www.arredorealistico.com/8-motivi-per-fare-home-staging-spiegati-da-gian-luigi-sarzano-intervista/ https://www.arredorealistico.com/8-motivi-per-fare-home-staging-spiegati-da-gian-luigi-sarzano-intervista/#respond Fri, 17 Jul 2020 14:54:04 +0000 https://www.arredorealistico.com/?p=18092 Gian Luigi Sarzano è co-autore del libro “Guida al successo dell’agenzia immobiliare” e di “Quello forte sei tu!” ed ogni anno aiuta, grazie a corsi e seminari, migliaia di agenti immobiliari a raggiungere i loro obiettivi di crescita. Nel 2014 è stato eletto “Miglior formatore immobiliare d’Italia” ai “Real estate awards”. Attualmente si occupa di […]

L'articolo 8 motivi per fare Home Staging spiegati da Gian Luigi Sarzano [INTERVISTA] proviene da RE.DA.

]]>

Gian Luigi Sarzano è co-autore del libro “Guida al successo dell’agenzia immobiliare” e di “Quello forte sei tu!” ed ogni anno aiuta, grazie a corsi e seminari, migliaia di agenti immobiliari a raggiungere i loro obiettivi di crescita.

Nel 2014 è stato eletto “Miglior formatore immobiliare d’Italia” ai “Real estate awards”.
Attualmente si occupa di formazione a più livelli e in particolare con gli Agenti immobiliari per aiutarli a incrementare i risultati e a valorizzare nel tempo la loro attività.

Ha trascorso buona parte della sua vita operativa a contatto con gli agenti immobiliari, prima da collega, poi come creatore di reti immobiliari e come immobiliarista, ed oggi come formatore.

E’ proprio questa moltitudine di esperienze diverse e sparse per il Mondo che gli consente di conoscere con precisione le dinamiche e le professioni che ruotano intorno all’immobiliare.

Se avessi conosciuto tanti anni fa il potere dell’home staging sarebbe stato tutto molto più facile. Ho iniziato a lavorare come agente immobiliare a poco più di 20 anni ed allora la cosa più simile alla valorizzazione immobiliare era “l’appartamento pilota”. Ricordo che mio padre, proprietario di un mobilificio, lavorava a stretto contatto con i costruttori per arredare questi appartamenti che venivano mostrati con orgoglio ai clienti interessati.

Gian Luigi Sarzano

Non è dunque un caso che abbia chiesto proprio a Gian Luigi quali sono i vantaggi dell’home staging e per quale motivo un agente immobiliare dovrebbe prevedere una fase di valorizzazione dell’immobile prima di pubblicare l’annuncio.

Vediamo quali sono gli 8 motivi che ha evidenziato:

  1. L’home staging migliora il prodotto: è molto più facile vendere una casa presentata in tutte le sue potenzialità. L’occhio vuole la sua parte! 
  2. Un immobile presentato bene invoglia i clienti a mettersi in contatto con l’agente immobiliare che lo propone. Successivamente al contatto è quindi possibile sottoporre loro altri immobili ed aumentare le probabilità di concludere la vendita.
  3. Migliora la percezione dell’agente immobiliare: proporre immobili valorizzati aumenta la credibilità e la professionalità percepita dai clienti. che viene identificato con gli immobili che presenta
  4. Motiva ulteriormente il compenso dell’agente immobiliare ed è lo strumento perfetto per giustificare l’esclusiva agli occhi dei venditori.
  5. Riduce i tempi di vendita fino a qualche giorno o settimana dalla pubblicazione
  6. Seleziona sia i proprietari che i potenziali acquirenti, con un notevole risparmio di tempo per l’agente immobiliare che evita
  7. Abbatte la fase di trattativa, che in assenza di obiezioni sugli spazi o di richieste di sconto, si azzera.
  8. Favorisce il passaparola positivo perchè i clienti vedono con i propri occhi che lavori diversamente.

Ecco l’intervista completa:

Ogni volta che un venditore ti trascina in estenuanti trattative per abbassare la tua commissione, oppure non vuole concedere l’esclusiva e ti obbliga a pubblicizzare lo stesso immobile assieme a decine di altri “colleghi”, significa che non ha compreso il tuo valore di intermediario.

Ogni volta che un acquirente necessita di dieci visite nel corso di più mesi, ed alla fine si convince a fare una offerta inferiore del 20% rispetto al valore di mercato, significa che non ha compreso il potenziale dell’immobile.

In un mondo che tende a disintermediare sempre più le transazioni immobiliari con portali gratuiti o agenzie online a costo zero, esiste una soluzione che rivendica la centralità degli agenti e li aiuta, allo stesso tempo, sia sul fronte dell’acquirente sia su quello del venditore..

Da un lato migliora l’immagine di consulente ed aiuta ad acquisire più clienti – e soprattutto clienti migliori, più qualificati e maggiormente disposti ad investire per farsi seguire da un professionista riconosciuto a cui concedere l’esclusiva.

Dall’altro lato migliora la presentazione dell’immobile mettendone in luce i pregi e mostrandone tutto il reale potenziale, senza lasciare nulla alla (poca) immaginazione di chi la visita.

Si tratta dell’ Arredo Realistico in Cartone: moduli in cartone che nessuno distingue dal mobilio classico e che vengono utilizzati per valorizzare gli immobili vuoti.

Ad esempio, ti eri accorto che la cucina dietro Gian Luigi è fatta di cartone?

Questi moduli si montano in pochi secondi, si trasportano comodamente in macchina, si stivano all’interno di un ufficio qualunque e si riutilizzano nel tempo per ammortizzarne il costo.
E sono utilizzabili da chiunque perchè sono talmente realistici che valorizzano gli ambienti senza il bisogno di aggiungere tessile o altri complementi.
Grazie alla stampa ad alta definizione non c’è alcun bisogno nascondere che si tratta di cartone: basta solo montarli.

Vuoi saperne di più?
Scarica il catalogo e scopri le oltre 450 personalizzazioni a tua disposizione

Anche questa volta mi hai fregato, mi hai stupito: non distinguo mai le tue cucine da quelle vere. [...] Penso che RE.DA sia la naturale evoluzione del settore, molto utile all’agente immobiliare ma anche al cliente. Trovo che questo strumento conferisca professionalità all’attività ed aiuti la vendita quindi il mio parere è estremamente positivo. Aggiungiamoci poi che puoi fare home staging ai massimi livelli, hai una facilità estrema di trasporto e di montaggio, e non hai alcun alcun problema di magazzino. Infine l’acquisto di un set di mobili può anche essere condiviso fra più agenti in modo da ammortizzare l’investimento fino a poche centinaia di euro.
Gian Luigi Sarzano
Formatore, imprenditore immobiliare

L'articolo 8 motivi per fare Home Staging spiegati da Gian Luigi Sarzano [INTERVISTA] proviene da RE.DA.

]]>
https://www.arredorealistico.com/8-motivi-per-fare-home-staging-spiegati-da-gian-luigi-sarzano-intervista/feed/ 0
E’ sempre necessario fare Home Staging? https://www.arredorealistico.com/e-sempre-necessario-fare-home-staging/ https://www.arredorealistico.com/e-sempre-necessario-fare-home-staging/#respond Thu, 25 Jun 2020 10:08:51 +0000 https://www.arredorealistico.com/?p=15512 Ogni casa è diversa. Ogni quartiere è diverso.Ogni vendita è diversa. Ti sarà quindi capitato di chiederti.. “Ma è proprio, sempre, indiscutibilmente, necessario fare Home Staging? Proviamo a fare qualche ragionamento assieme per rispondere, una volta per tutte, a questa domanda. Per farlo, facciamo un passo indietro e partiamo da che cos’è l’home staging ed […]

L'articolo E’ sempre necessario fare Home Staging? proviene da RE.DA.

]]>
Ogni casa è diversa.

Ogni quartiere è diverso.
Ogni vendita è diversa.

Ti sarà quindi capitato di chiederti..

“Ma è proprio, sempre, indiscutibilmente, necessario fare Home Staging?

Proviamo a fare qualche ragionamento assieme per rispondere, una volta per tutte, a questa domanda.

Per farlo, facciamo un passo indietro e partiamo da che cos’è l’home staging ed a cosa serve.

L’home staging è una tecnica di marketing immobiliare.
In quanto tale, il suo unico scopo è quello di contribuire ad una vendita dell’immobile quanto più veloce possibile.
Questo risultato si ottiene tramite un intervento fisico sulla proprietà che aiuta i clienti a vivere (e non immaginare) le potenzialità della casa sia tramite le foto sia durante la visita fisica dell’immobile.

Qualche precisazione: ho scritto che “contribuisce ad una vendita veloce” perchè l’home staging non è una bacchetta magica che risolve tutti i problemi: se una casa è fuori prezzo, continuerà a rimanere sul mercato per mesi.

Ho scritto “strumento di marketing immobiliare” perché l’home staging non ha nulla a che fare con: 

  • le cassette della verdura al posto della cucina
  • i mobili disegnati sulle pareti con lo scotch, 
  • i roll up stampati 
  • le copertine sul divano

E, soprattutto, non ha nulla a che vedere con il riciclo creativo dei materiali e dei mobili vecchi…

Anche la traduzione italiana del termine è spesso oggetto di dibattito.
La più versione più comune è “Valorizzazione immobiliare” ma personalmente ritengo che questa definizione risulti parziale ed ora ti spiego perché.

Conscio che questo mio pensiero sarà frainteso da molti, ritengo che – in questo preciso periodo storico – la traduzione più corretta di home staging sia “Doping Immobiliare”.

No, non perchè sia illegale o perché “falsi” in modo innaturale le tempistiche di vendita ma semplicemente perchè, ad oggi, rappresenta un “vantaggio sleale” nei confronti della concorrenza che non lo usa.

Vedi, l’home staging è infatti uno strumento semi conosciuto, molto incompreso e poco utilizzato rispetto alla totalità delle transazioni che avvengono ogni anno.

I pochi che lo utilizzano stanno ottenendo risultati incredibili.
Come ad esempio vendere casa in 24h dalla pubblicazione (Investitore) 
Oppure sostituire i render digitali con interventi di home staging fisico per aumentare le richieste di visitare gli immobili (agente immobiliare) 

Capisci quindi per quale motivo chi lo utilizza si trova in una oggettiva situazione di vantaggio rispetto a chi non lo usa?

Non è dunque illegale, esattamente come non è illegale vincere a poker se gli avversari ti fanno vedere le loro carte…

Questa metafora sottolinea l’evidente sbilanciamento di attrattività sul mercato tra una casa preparata per la vendita ed una presentata vuota o arredata con mobili vecchi.

Ora che abbiamo capito esattamente cos’è, cosa non è e soprattutto a cosa serve l’home staging, ha senso riformulare la domanda iniziale come segue:

“Ma è proprio, sempre, indiscutibilmente, necessario migliorare i miei risultati di vendita?

La risposta a questa domanda è molto personale, cioè dipende da come intendi il tuo lavoro.

Quindi lascia che ti chieda:

  • Ti consideri una persona ambiziosa?
  • Punti ad ottenere risultati superiori alle media?
  • Vorresti sempre essere un passo avanti agli altri?
  • Vuoi che i tuoi amici e colleghi ti riconoscano come un punto di riferimento?
  • Sei abbastanza coraggioso da sperimentare per primo soluzioni innovative?

Se hai risposto “si” alla maggior parte delle domande qui sopra allora l’home staging è – senza ombra di dubbio – lo strumento che ti consente di “mettere sotto steroidi” le tue performance professionali ed a cascata di raggiungere i tuoi obiettivi personali e professionali.

Il budget speso deve adeguarsi al valore (e non viceversa)

Ti sarai accorto che differenti tipi di case attirano target diversi di clientela.

Ad esempio certi immobili sono più interessanti per la classica coppia di innamorati che è in cerca della loro prima casa, cioè il luogo in cui si svilupperà la famiglia e cresceranno i figli.

Hanno iniziato da pochi mesi o settimane a guardarsi intorno e non hanno molta esperienza nel settore immobiliare.

In situazioni come queste, dove l’acquisto è prettamente emozionale ed i potenziali clienti non hanno l’esperienza per comprendere al meglio le potenzialità dell’immobile, il valore aggiunto dell’home staging è massimo.

E’ qui che, a parità di altre condizioni, abbiamo i risultati più eclatanti: forte contrazione dei tempi di vendita – fino a casi limite di poche ore – ed azzeramento sia delle obiezioni che della trattativa sul prezzo.

L'home staging è empre efficace ed esprime il massimo del valore negli acquisti emozionali

Ci sono altre situazioni dove il potenziale cliente è meno interessato all’aspetto emozionale oppure è un veterano del settore immobiliare. 

Come fare in casi come questo in cui l’home staging aiuta ma ha un minore valore aggiunto?

E’ fondamentale capire che la quota di investimento da dedicare alla valorizzazione immobiliare deve essere in linea con il valore creato. 

Dall’ utilità dell’home staging si ricava, lavorando a ritroso, il budget corretto da dedicare.

Per rispondere a questa domanda guardiamo ai più recenti dati a disposizione.

Nel 2019 è stato chiesto a quasi 50.000 addetti al settore immobiliare americano quali fossero le stanze più importanti da allestire per la vendita.

Non ti sorprenderà scoprire che le vincitrici di questa sfida sono state, nell’ordine:

  • il salotto
  • la camera da letto principale
  • la cucina

Qui trovi i risultati nel dettaglio ed, ordinando il campionario, riceverai anche la versione cartacea dell’intera indagine (20 pagine formato A4)

Appare evidente che, in caso si debba contenere il budget, una prima soluzione può essere quella di allestire solo alcune stanze.

Oppure allestire in modo diverso gli ambienti, dedicando a quelli principali la maggior parte delle risorse.

Ed è esattamente per questo motivo che abbiamo creato i bundle RE.DA.

Si tratta di pacchetti tematici di Arredo Realistico in Cartone che ti consentono di arredare in modo indipendente le singole stanze, scegliendo quali arredare e quanto investire per ciascuna.

Per ogni stanza sono disponibili quattro livelli, dall’ ESSENTIAL – che ti aiuta a mostrare con efficacia gli spazi – fino al più completo ELITE, che valorizza al meglio l’ambiente.

Il primo tema disponibile è caratterizzato da colori tenui e neutri come il bianco ed il beige in modo che sia utilizzabile con successo nella maggior parte degli immobili.

La texture dominante è quella del legno chiaro e per questo lo abbiamo chiamato TRENTO.

Cucina

Salotto

Camera Matrimoniale

Camera Singola

Grazie alla stampa ad alta definizione, questi arredi in cartone valorizzano gli ambienti senza bisogno di nasconderli con complementi di arredo veri.

Per questo motivo puoi arredare in pochi minuti ed in totale autonomia le stanze, senza ricorrere a traslocatori o manovali.
E quando vendi casa smonti i moduli in un istante, li riponi anche in uno sgabuzzino e loro rimangono a tua disposizione per riutilizzati all’occorrenza in decine di altri allestimenti.

Oppure, se preferisci la formula del noleggio, ci occupiamo noi del ritiro.

Vuoi scoprire tutti i dettagli sui bundle RE.DA?

Allora scarica il catalogo: all’interno trovi anche tutti i prodotti e le oltre 450 personalizzazioni a tua disposizione.

Un saluto ai professionisti!

Fabiano Gollo
Founder 
RE.DA – Arredo Realistico in Cartone


Nella foto iniziale la cucina collezione Martina nella versione Total Cemento Nero.
Photo Courtesy: Francky Boisseau

Montaggio

Robustezza

L'articolo E’ sempre necessario fare Home Staging? proviene da RE.DA.

]]>
https://www.arredorealistico.com/e-sempre-necessario-fare-home-staging/feed/ 0
Home Staging Fisico vs Render Digitale: confessioni di un agente immobiliare pentito https://www.arredorealistico.com/home-staging-fisico-vs-render-digitale-confessioni-di-un-agente-immobiliare-pentito/ https://www.arredorealistico.com/home-staging-fisico-vs-render-digitale-confessioni-di-un-agente-immobiliare-pentito/#respond Sat, 09 May 2020 11:54:05 +0000 https://www.arredorealistico.com/?p=13420 I grandi derby della storia italiana: Milan – Inter Lazio – Roma Toro – Juventus Genoa – Sampdoria.. Ma anche la sfida “Home staging – Render digitale” non scherza… Chi preferisce il render sostiene che: è più comodo è piu economico e tutto questo sembra avere senso… Ma è possibile che un’immagine digitale sia anche […]

L'articolo Home Staging Fisico vs Render Digitale: confessioni di un agente immobiliare pentito proviene da RE.DA.

]]>

I grandi derby della storia italiana:

  • Milan – Inter
  • Lazio – Roma
  • Toro – Juventus
  • Genoa – Sampdoria..

Ma anche la sfida “Home staging – Render digitale” non scherza…

Chi preferisce il render sostiene che:

  • è più comodo
  • è piu economico

e tutto questo sembra avere senso…

Ma è possibile che un’immagine digitale sia anche più efficace di un intervento fisico?

Se da una parte è innegabile che creare una realtà fittizia tramite un software è più pratico di allestire un immobile vuoto, dall’altra parte saremo tutti d’accordo che è molto più facile vendere immobili finemente arredati – purché proposti a prezzi di mercato – rispetto a quelli vuoti e pubblicizzati con un render.

Vista in quest’ottica, la sfida render vs home staging… cessa di esistere..

Non ha più senso parlare di “Cosa è meglio” in senso generico ma piuttosto di:

“Quale è il mio budget per presentare al meglio l’immobile?”

Ho poco budget? → Mi accontento del render

Ho un budget maggiore? → Intervengo arredando fisicamente l’immobile

Ora, lascia che ti faccia 3 domande:

  1. Come cambierebbe la situazione se tu potessi allestire da zero un immobile in poche ore grazie ad un arredo in cartone stampato ad una definizione così alta che nessuno lo distingue dall’arredo vero?
  2. Come cambierebbe la situazione se potessi trasformare i render digitali in realtà ed arredare una casa intera senza bisogno di installatori, traslocatori o manovali?
  3. Come cambierebbe la situazione se tutto questo avesse costi simili a quelli di un set di render fotografici professionali?

In questa intervista Francesco Centamori, agente immobiliare con un’esperienza di oltre 30 anni nel settore, racconta perché non utilizza più i render digitali e come li ha sostituiti con un alternativa dall’incredibile rapporto qualità/prezzo, tanto che gli ha permesso di inserire all’interno del suo compenso il servizio di valorizzazione immobiliare.

Francesco è stato uno dei primi in Italia a sfruttare l’Arredo Realistico in Cartone per “compattare” i costi di allestimento degli immobili.

In questo modo è riuscito ad inserire la valorizzazione all’interno del processo di qualificazione dell’immobile della sua agenzia.

Questo gli ha permesso di:

  • migliorare la presentazione di tutti gli immobili, e non solo alcuni
  • azzerare le obiezioni sulla richiesta di lavorare con l’esclusiva sull’ immobile
  • assorbire questo costo in prima persona ed evitare discussioni con i proprietari di casa che raramente sono disposti ad investire per migliorare un immobile di cui si stanno liberando.

Quando ho visto la qualità dei materiali e la semplicità di utilizzo ho acquistato subito, senza neanche pensarci. Il risultato è incredibile e con un costo di logistica minimo: la difficoltà che ho avuto nell’ arredare con costanza gli immobili che proponiamo era proprio legata alla movimentazione dei mobili e con l’Arredo realistico in Cartone ho risolto il problema. E poi la robustezza è garantita”
[...]
Inizialmente usavamo dei render “meno belli” e pensavamo che fosse quella la ragione per cui gli annunci non attiravano clienti.
In realtà oggi abbiamo testato anche “quelli belli” ma è inutile, i render proprio non vendono.
Inoltre il render è solo online: quando il cliente entra nell’appartamento lo trova spoglio.
Per quanto si possa virtualizzare l’esperienza ho trovato molto difficile trasmettere la sensazione di “sentirsi a casa” tramite il render.
Sono sicuro che qualcuno riesca a vendere qualche immobile con i render ma, per la mia esperienza, non funzionano quanto un intervento fisico sull’immobile”
[...]
Ho tentato di convincere il cliente ad acquistare i servizi di home staging di un consulente ma con scarso successo. Addirittura a volte succedeva che i clienti non volessero darmi l’incarico proprio perchè suggerivo questo investimento.
Alla fine ho preferito assorbire in prima persona la spesa, riducendone il costo, ed omaggiarla al cliente

Francesco Centamori

Vedi, l’Arredo Realistico in Cartone nasce con uno scopo ben preciso: permettere anche a chi non ha alcuna esperienza di design di trasformare gli ambienti freddi e vuoti in spazi finemente arredati che prevengono le obiezioni sugli ingombri e mostrano al cliente il potenziale della casa e lo stile di vita che li attende.

La sfida che affrontiamo ogni giorno è quella di creare prodotti definitivi che, grazie alla stampa ad alta definizione, valorizzano gli ambienti per il solo fatto di esserci e che non necessitano di complementi di arredo vero per nascondere che si tratta di cartone.

In questo modo la valorizzazione immobiliare diventa facile ed immediata, alla portata di tutti.

E se non vuoi gestire neanche la minima logistica legata alla spostamento ed allo stoccaggio dei mobili, puoi richiedere il noleggio con spedizione diretta sul luogo dell’allestimento.

“Urca! E magari fornite anche il servizio di montaggio!“

Si, stiamo testando anche questa opzione, in alcune zone d’Italia (Roma, Lombardia, Veneto).

Ma andiamo con ordine: se sei interessato a scoprire di più, scarica il catalogo e scopri le oltre 400 personalizzazioni a tua disposizione.

Un saluto ai professionisti!

Fabiano Gollo
Founder 
RE.DA – Arredo Realistico in Cartone

L'articolo Home Staging Fisico vs Render Digitale: confessioni di un agente immobiliare pentito proviene da RE.DA.

]]>
https://www.arredorealistico.com/home-staging-fisico-vs-render-digitale-confessioni-di-un-agente-immobiliare-pentito/feed/ 0
Investimenti Immobiliari: sarà ancora possibile vendere casa in 1 giorno dopo il CoronaVirus? [Case study: ROI 30% in 24h da pubblicità] https://www.arredorealistico.com/investimenti-immobiliari-come-averlo-piu-grosso-dei-tuoi-colleghi-il-roi-case-study-roi-30-in-24h-da-pubblicita/ https://www.arredorealistico.com/investimenti-immobiliari-come-averlo-piu-grosso-dei-tuoi-colleghi-il-roi-case-study-roi-30-in-24h-da-pubblicita/#respond Fri, 20 Mar 2020 14:26:29 +0000 https://www.arredorealistico.com/?p=10038 Immagina di incontrare un gruppo di tuoi colleghi ad un evento per investitori immobiliari. Dopo i saluti ed i convenevoli di rito, iniziate a discutere di come vanno le ultime operazioni.C’è chi si lamenta perchè non trova immobili al giusto prezzo.C’è chi ha avuto problemi con il cantiere e sta andando lungo con i tempi […]

L'articolo Investimenti Immobiliari: sarà ancora possibile vendere casa in 1 giorno dopo il CoronaVirus? [Case study: ROI 30% in 24h da pubblicità] proviene da RE.DA.

]]>

Immagina di incontrare un gruppo di tuoi colleghi ad un evento per investitori immobiliari.

Dopo i saluti ed i convenevoli di rito, iniziate a discutere di come vanno le ultime operazioni.
C’è chi si lamenta perchè non trova immobili al giusto prezzo.
C’è chi ha avuto problemi con il cantiere e sta andando lungo con i tempi di ristrutturazione
C’è chi aveva sottostimato i tempi di vendita e si ritrova la casa ancora “sul groppone”..

Quando è il tuo turno di parlare, gli altri improvvisamente abbassano il tono della voce e ti guardano con ammirazione.

Uno di loro chiede:

Ascolta, ho saputo che hai chiuso la tua ultima operazione in 24 ore da quando hai finiti i lavori, è vero?

Tu, tra l’orgoglioso e l’imbarazzato, ammetti:

Si è vero. Finiti i lavori ho arredato la casa ed alla prima visita ho chiuso l’operazione. 
Sono molto soddisfatto.

…Vedi, presentare ai clienti case arredate invece che un cantiere al grezzo è lo strumento di vendita più potente che si possa utilizzare.

E se sei un investitore o un costruttore immobiliare, è molto facile che tu lo sappia già..

Hai già visto le persone vagare per le stanze vuote..
..le hai già viste faticare ad immaginare la casa arredata..
..le hai già viste storcere il naso dicendo che l’ambiente sembrava un po’ piccolo…

D’altronde, l’appartamento pilota nasce proprio per questo motivo: mostrare ai clienti in visita le potenzialità dell’immobile una volta che sarà abitato, prevenire le loro obiezioni sugli spazi e tranquillizzarli, in modo da ridurre al minimo il tempo necessario a firmare la caparra.

Allo stesso tempo ti sei anche accorto di quanto sia difficile, impegnativo e costoso arredare una casa.

Devi affidarti ad un consulente che ti aiuti a scegliere i prodotti ed i colori.
Devi coordinare installatori e traslocatori.
Devi investire diverse migliaia di euro.

Ed infine, devi sperare che il cliente voglia tenere il mobilio altrimenti devi anche organizzare il trasloco, svuotare l’immobile e portare tutto dentro dentro un magazzino..

Non sarebbe tutto più facile se potessi trasformare in realtà i render digitali ed arredare qualunque casa in un istante?

Buona notizia: questo è esattamente quello che fa l’Arredo Realistico in Cartone.
Cattiva notizia: dovrai avere il coraggio ed essere uno dei primi che sfrutta questa occasione.

Per essere più preciso, voglio mostrarti questo nuovo caso studio.
Luigi è un investitore immobiliare ed è stato uno dei primi in Italia ad utilizzare l’Arredo Realistico in Cartone.
Pochi giorni fa mi ha aggiornato riguardo la sua ultima operazione.

“Alcuni clienti, appena entrati, mi hanno chiesto se la cucina la lasciavo....
Ho dovuto sollevare il frigo per far capire loro cosa volesse dire che erano solo da esposizione....

Sono un imprenditore immobiliare ed ho utilizzato i prodotti RE.DA per la mia ultima operazione immobiliare.

Si tratta di una proprietà che ho acquistato a € 70.000 tramite agenzia immobiliare. Ho speso circa altri 28.000€ per la ristrutturazione, oltre ai mobili per l’allestimento, costituiti in parte da Arredo Realistico in Cartone.
La quota dedicata ai mobili in cartone è stata di circa un migliaio di euro, che ammortizzo nei successivi allestimenti.
Ipotizzando di usarli anche solo 5 volte, si tratta di 200€ per allestimento.

Dopo una breve trattativa, ad 1 giorno dalla pubblicazione, ho chiuso la vendita a 130.000€, il mio obiettivo esatto da business plan.

Ho conosciuto RE.DA durante la prima edizione di Strategie per Vendere Casa Live a Firenze e mi ha stupito la leggerezza dei prodotti: questo mi consente di trasportarli con facilità e di spostare in un istante i mobili per provare differenti combinazioni.

Ne consiglio l’acquisto perchè, dal vivo, l’effetto wow per chi visita l'immobile o vede le foto è assicurato perché questo arredo in cartone trasforma gli ambienti che diventano accoglienti e coccolosi.

I tempi di spedizione sono stati rispettati e non ho avuto nessun problema con l’ordine.”

Alcuni clienti, appena entrati, mi hanno chiesto se la cucina la lasciavo....
Ho dovuto sollevare il frigo per far capire loro cosa volesse dire che erano solo da esposizione....

luigi leoni
Investitore Immobiliare

Se ti stai chiedendo come sia possibile che questi mobili in cartone rendano gli ambienti “accoglienti e coccolosi” tanto che le persone li scambiano per veri, voglio raccontarti per quale motivo l’idea che sta alla base dell’ Arredo Realistico in Cartone è tanto semplice quanto potente.

All’inizio, quando ho definito la “visione RE.DA”, lo immaginavo come il prodotto definitivo, senza compromessi sulla qualità: doveva mostrare gli spazi ai clienti ed allo stesso tempo stupirli.

Volevo creare un prodotto di design che valorizzasse l’ambiente per il solo fatto di esserci.

Mi piace pensare alla similitudini con il bimby.

Hai presente quell’ elettrodomestico multiuso da cucina che è in grado di preparare quasi in autonomia mille differenti piatti?

In breve, la potenza di questo strumento è tale da consentirti di cucinare come uno chef stellato, anche se non sai fare un uovo sodo.

Ecco, RE.DA è il “bimby” della valorizzazione immobiliare perchè ti permette di rivoluzionare l’aspetto degli immobili anche se hai la manualità di un bradipo ed il gusto estetico di Malgioglio.

Ed il risultato è così realistico che i tuoi clienti vorranno viverlo.
Siccome sono molto serio su questo passaggio e voglio dimostrarti con i fatti il realismo della stampa ad alta definizione che abbiamo messo a punto, ho raccolto all’interno di un campionario tutte le oltre 30 texture a nostra disposizione.
In questo modo puoi vedere dal vivo, con i tuoi occhi, per quale motivo i nostri prodotti sono così efficaci.

Il campionario ha un costo di listino di 47€ + iva + spese di spedizione ma, visto che lo abbiamo appena aggiornato, voglio darti la possibilità di risparmiare quasi 50 euro ed acquistarlo ora con lo sconto dell’80% ( escluse le spese di spedizione).

E’ il nostro contributo per rendere un poco più leggere queste giornate surreali a causa del Covid-19.

Questa promozione non è per noi sostenibile su grossi numeri perchè questa nuova versione “inciccionita” del campionario è molto costosa quindi sarà possibile acquistarlo a queste condizioni soli fino a domenica 5 Aprile e solo per i primi 50 che ne fanno richiesta.

Per sfruttare la promozione, finchè è valida, è sufficiente aggiungere il campionario al carrello e procedere con il pagamento.

Non devi inserire alcun buono sconto: abbiamo già provveduto noi a modificare momentaneamente il prezzo che tornerà quello di listino da Lunedì 6 Aprile

Approfittane ora!

OFFERTA SCADUTA

Un saluto ai professionisti!

Fabiano Gollo
Fondatore
RE.DA – Arredo Realistico in Cartone

L'articolo Investimenti Immobiliari: sarà ancora possibile vendere casa in 1 giorno dopo il CoronaVirus? [Case study: ROI 30% in 24h da pubblicità] proviene da RE.DA.

]]>
https://www.arredorealistico.com/investimenti-immobiliari-come-averlo-piu-grosso-dei-tuoi-colleghi-il-roi-case-study-roi-30-in-24h-da-pubblicita/feed/ 0
La Repubblica: “Vendere casa velocemente si può grazie al nuovo arredo in cartone” https://www.arredorealistico.com/vendere-casa-velocemente-si-puo-grazie-al-nuovo-arredo-in-cartone/ https://www.arredorealistico.com/vendere-casa-velocemente-si-puo-grazie-al-nuovo-arredo-in-cartone/#respond Mon, 02 Mar 2020 08:57:52 +0000 https://www.arredorealistico.com/?p=9273 Articolo tratto da La Repubblica del 27 Febbraio 2020 Speciale VENDITE IMMOBILIARI: nuove soluzioni sono possibili per gli agenti immobiliari che vogliono occuparsi del mobilio in modo veloce e in autonomia Il lavoro dell’agente immobiliare è da sempre considerato tra le professioni più affascinanti, perché permette di essere sempre aggiornati circa le ultime novità di […]

L'articolo La Repubblica: “Vendere casa velocemente si può grazie al nuovo arredo in cartone” proviene da RE.DA.

]]>

Articolo tratto da La Repubblica del 27 Febbraio 2020

Speciale VENDITE IMMOBILIARI: nuove soluzioni sono possibili per gli agenti immobiliari che vogliono occuparsi del mobilio in modo veloce e in autonomia

Il lavoro dell’agente immobiliare è da sempre considerato tra le professioni più affascinanti, perché permette di essere sempre aggiornati circa le ultime novità di design e attualità. 

Tuttavia, è anche un’attività molto complicata, che necessita di una grande esperienza. Vendere una casa non è mai un’impresa facile, potenzialmente ci si può impiegare anche molti mesi. 

Ovviamente, tutto dipende da numerosi fattori in gioco, tra cui l’offerta sul mercato e la tipologia dell’immobile. 

NUOVE TENDENZE

Il design, in questi ultimi anni, ha dato un vero scossone a questa realtà imprenditoriale. 

Ci si è accorti che un appartamento completamente vuoto è molto più difficile da mettere in vendita rispetto ad uno arredato. 

Se ne può capire facilmente il motivo: è difficile farsi un’idea di quanto siano effettivamente grandi gli spazi senza la presenza dei mobili. 

Grazie alla stampa ad alta definizione le cucine sono davvero realistiche

Solamente chi è del mestiere sa usare fantasia e creatività per capire il potenziale dell’abitazione e come aumentarne le risorse: tutti gli altri, acquirenti compresi, non ne sono in grado. 

Per questo motivo, oggi è nata una nuova professione: l’home stager. 

Quest’ultimo si occupa di marketing immobiliare e mette in gioco la sua competenza per donare alla casa in vendita un look versatile. 

È un lavoro capace di unire business a design e, negli ultimi anni, ha dimostrato tutta la sua utilità. Infatti, il valore della proprietà aumenta, le trattative si accorciano e i clienti acquistano soddisfatti. 

Rimane però un problema: il costo da investire per ripensare da zero gli spazi vuoti, che troppo spesso non è adeguato al valore della casa. 

Esiste però una soluzione, ingegnosamente pensata dall’imprenditore Fabiano Gollo, fondatore della startup RE.DA. 

Si tratta di un arredo in cartone dal costo contenuto, che può sostituire efficacemente il mobilio tradizionale. 

LA REALTà

RE.DA – Arredo Realistico in Cartone è già molto apprezzata dai migliori agenti ed investitori immobiliari. 

I moduli sono leggeri, facili da trasportare e montare. 

Non necessitano, inoltre, di investimenti particolarmente importanti perché possono anche essere noleggiati. 

Il cliente non farà alcuna fatica a immaginare come potrebbe arredare l’appartamento, ad esempio chiedendosi se c’è abbastanza spazio per un armadio in camera da letto o se la cucina è sufficientemente grande: tutto è ben visibile sotto i suoi occhi. 

Tutta la cucina è contenuta in un box facile da trasportare

L’agente immobiliare potrà montare gli arredi in un paio d’ore, seguendo i consigli di design e stile dei consulenti RE.DA. 

La possibilità di noleggiare i moduli presenta numerosi vantaggi, a partire dal fatto che non è necessario avere un magazzino nel quale conservarli. 

Non bisogna nemmeno possedere un furgone o un camioncino, perché il tutto può essere comodamente trasportato in auto. 

La marcia in più è data dal fatto che l’azienda è totalmente Made in Italy. 

I prodotti, del resto, sono interamente progettati e sviluppati nel nostro Paese. 

Scopri RAPIDO, Il sistema BREVETTATO per montare e smontare i moduli in 7 secondi..

I NUMEROSI VANTAGGI DEL NOLEGGIO

Noleggiare il mobilio di RE.DA è facile e veloce. 

L’agente immobiliare può arredare la casa in vendita in totale autonomia, senza doversi affidare a installatori professionisti. 

Il cartone è un materiale leggero, facile da trasportare in una macchina comune. 

Non è necessario possedere un furgone e nemmeno un magazzino dove conservare gli oggetti: alla spedizione e al ritiro ci pensa direttamente l’azienda. 

Vendere l’appartamento diventa più semplice grazie a questo metodo innovativo.

LA CONSULENZA AD AGENTI, COSTRUTTORI ED INVESTITORI IMMOBILIARI

Affidarsi alla professionalità del team RE.DA è garanzia di successo. 

L’agente immobiliare che desidera noleggiare o comprare l’arredo in cartone può richiedere la consulenza del designer professionista. 

Basta inviare la planimetria della casa in vendita per ottenere tante soluzioni differenti con budget diversificati per ogni esigenza. 

L’immobile sarà arredato con grande cura, affinché gli acquirenti possano capire con un solo sguardo la disposizione migliore degli spazi e le dimensioni effettive dei locali. 

I risultati sono stupefacenti: le trattative si accorciano e i clienti sono più sicuri della propria scelta.

LA STORIA:
La startup che ha cambiato il mercato

L’imprenditore Fabiano Gollo ha lavorato da sempre nell’impresa di famiglia, nata ad Albenga quasi quarant’anni fa. 

Lì, Fabiano ha potuto scoprire tutto sulla progettazione e lo sviluppo di scatole in cartone. L’idea di creare arredamento temporaneo è nata dall’incontro con la home stager professionista Elisabetta Rossi. 

Da qui, prende avvio RE.DA, startup di successo. Inizialmente, l’azienda produceva solo cucine  in cartone, ma la grande popolarità acquisita ha portato ad allargare il brand ad altri componenti come letti, divani e tavoli. 

I risultati sono davvero eccezionali. 

Grazie alla stampa digitale in alta risoluzione, si possono riprodurre le venature del legno, i colori del marmo e i riflessi dell’acciaio. 

Tutti i moduli sono pezzi unici che non necessitano di colla o nastro adesivo per essere montati. 

Dopo l’utilizzo, possono persino essere trasportati in auto, perché richiedono pochissimo spazio.

NON SOLO CUCINE:
la nuova collezione completa

La startup RE.DA è nata proponendo solamente cucine in cartone. 

Il successo strepitoso del prodotto ha portato tuttavia alla necessità di creare una linea di arredamento completa. 

Nasce così Deseda, che si caratterizza per il design moderno, curato e minimalista. 

La collezione è stata presentata lo scorso 28 settembre a Catania, durante le lezioni di home styling tenute da Paola Marella e Gianmarco Toscano. 

Un esempio di Camera da Letto interamente arredata con prodotti RE.DA: letto, armadio, comodino e tv sono fatti di Cartone.

Armadi, testiere letto, comò, comodini, tavoli con sedie, divani, separé e divisori, creano ambienti e volumi diversi, tutti di grande bellezza. 

Sono oggetti pensati esclusivamente per emozionare chi li guarda, capaci di donare forte personalità a case e appartamenti altrimenti vuoti. 

Deseda rende molto più facile agli agenti immobiliari vendere e affittare le più diverse tipologie di edifici, il tutto con grande soddisfazione dei clienti.

Se vuoi rendere la tua professione a prova di portali immobiliari e agenzie online a commissioni zero puoi scaricare il catalogo, al cui interno troverai tutti i prodotti disponibili, le personalizzazioni ed i prezzi oppure scoprire perchè il noleggio è – a tutti gli effetti – la soluzione chiavi in mano che stavi aspettando.

Un saluto ai professionisti!

Fabiano Gollo
Fondatore
RE.DA – Arredo Realistico in Cartone

L'articolo La Repubblica: “Vendere casa velocemente si può grazie al nuovo arredo in cartone” proviene da RE.DA.

]]>
https://www.arredorealistico.com/vendere-casa-velocemente-si-puo-grazie-al-nuovo-arredo-in-cartone/feed/ 0
Acquisto o noleggio: qual è la formula migliore? https://www.arredorealistico.com/acquisto-o-noleggio-qual-e-la-formula-migliore/ https://www.arredorealistico.com/acquisto-o-noleggio-qual-e-la-formula-migliore/#respond Mon, 17 Feb 2020 10:38:32 +0000 https://www.arredorealistico.com/?p=8518 Acquisto o noleggio: qual’è la formula migliore?In realtà, come immaginerai, non esiste una risposta univoca a questa domanda e la soluzione migliore dipende dalla situazione personale di ciascuno di noi. In questo articolo mettiamo a confronto entrambe le soluzioni, specificando per ciascuna le caratteristiche del servizio ed i relativi pregi. Acquisto     Vantaggi I […]

L'articolo Acquisto o noleggio: qual è la formula migliore? proviene da RE.DA.

]]>

Acquisto o noleggio: qual’è la formula migliore?
In realtà, come immaginerai, non esiste una risposta univoca a questa domanda e la soluzione migliore dipende dalla situazione personale di ciascuno di noi.

In questo articolo mettiamo a confronto entrambe le soluzioni, specificando per ciascuna le caratteristiche del servizio ed i relativi pregi.

Acquisto

 

 

Vantaggi

I maggiori vantaggi dell’acquisto sono essenzialmente due:

1) la possibilità di ammortizzare la spesa nel tempo
2) la velocità con cui si può intervenire una volta che si ha a disposizione l’arredo.

Vedi, tutto il nostro Arredo Realistico in Cartone è stato progettato per resistere al tempo ed all’usura in modo da poter essere riutilizzato.

In particolare:

 

  • i componenti stampati sono ricoperti da due strati di plastica che rendono virtualmente indistruttibile il prodotto nelle parti a vista
  • I componenti rivestiti con il tessuto sono coperti dalla garanzia Struttura Sicura per cui hai diritto, per i primi due anni dall’acquisto, a richiedere la sostituzione delle componenti in cartone (cioè le uniche che si possono danneggiare) pagando solo le spese di spedizione.
    Gli altri pezzi sono fatti di gommapiuma o tessile, entrambi materiali non danneggiabili se utilizzati correttamente. Il tessile è inoltre lavabile e stirabile in caso si sporchi durante l’utilizzo.

Per tutti questi motivi l’acquisto permette di ammortizzare nel tempo l’investimento fino a cifre irrisorie come 300€ ipotizzando 1.500€ di prodotti, sufficienti per allestire un monolocale, riutilizzati in appena 5 allestimenti.
Ma possono essere anche molti di più: tutto dipende dalla cura con cui i prodotti vengono conservati.

Inoltre, una volta che si ha a disposizione il materiale nel proprio magazzino si può intervenire in poche ore, tagliando alla radice i tempi tecnici di 8-10 giorni per produrre, spedire e ricevere i prodotti.

Svantaggi

Gli svantaggi principali sono legati alla logistica che, se pure ridotta all’osso, è comunque corretto tenere bene in mente.
Bisognerà disporre di un piccolo magazzino riparato da luce ed umidità per conservare i mobili.
Anche uno sgabuzzino potrebbe essere sufficiente ma non tutti hanno la possibilità di ricavare uno spazio simile.

Inoltre sarà necessario trasportare il materiale dal magazzino all’immobile.
Tutti i nostri prodotti sono stati pensati e realizzati per entrare in una comune berlina ma può capitare che non si abbia a disposizione una vettura simile: penso soprattutto a chi opera in grandi centri cittadini.

Infine sarà necessario pensare ai complementi di arredo vero come coperte e cuscini.
Anche qui lo sforzo è minimo ma non tutti hanno voglia di scegliere i prodotti ed i colori più adatti, oppure occuparsi di lavare e stirare il tessile dopo ogni allestimento.

A chi è consigliato l’acquisto

In breve, l’acquisto è consigliato a chi

  • Utilizza con regolarità l’arredo in cartone ed ha la possibilità di ammortizzare il costo
  • Possiede una vettura con cui trasportare i prodotti
  • Ha un piccolo magazzino o uno sgabuzzino a disposizione per conservare correttamente i prodotti
  • Ha tempo e voglia da dedicare all’acquisto ed alla gestione dei complementi di arredo che vanno a completare l’allestimento

A chi non è consigliato l’acquisto

  • Chi si sta avvicinando al mondo dell’Arredo Realistico in Cartone e vuole provarlo
  • Chi non è sicuro di poter riutilizzare i prodotti
  • Chi non ha una stanza da adibire a magazzino o, anche se la ha, preferisce non occuparsi per niente della logistica
  • Chi vuole una soluzione “chiavi in mano” completa del tessile essenziale

Noleggio

Vantaggi

 

Il noleggio rappresenta a tutti gli effetti una soluzione “senza pensieri” perchè:

 

  • Spediamo e ritiriamo direttamente sul luogo del montaggio
  • Scegli la durata del noleggio in base alle tue esigenze
  • Non hai bisogno di alcun tipo di magazzino o auto per trasportare i mobili
  • Puoi scegliere come arredare le singole stanze in base al tuo budget

Il vantaggio principale è dato dalla totale assenza di logistica e dal fatto di ricreare, ogni volta, un allestimento diverso dai precedenti.

Inoltre, se non hai ancora sufficienti richieste per ammortizzare la spesa nel tempo, ti consente di abbattere i costi del primo allestimento e di testare il risultato a condizioni vantaggiose.

 

Svantaggi

 

L’unico svantaggio è dato dal fatto di non poter ammortizzare l’investimento nel tempo ma, ad onor del vero, i prezzi sono molto competitivi: il noleggio ha costi che partono dal 35% rispetto all’acquisto ed in media si spende circa la metà rispetto ad acquistare i singoli prodotti.

 

A chi è consigliato

 

Il noleggio è consigliato a chi:

 

  • vuole una soluzione chiavi in mano
  • non vuole o non ha modo gestire la logistica
  • si sta approcciando al mondo dell’Arredo Realistico in Cartone e vuole testarlo senza vincolarsi a spese maggiori
  • vuole poter disporre di un allestimento specifico e personalizzato per ogni casa. 

A chi non è consigliato 

 

Il noleggio non è consigliato a tutte quelle realtà “strutturate”, che hanno già a disposizione zone adatta allo stoccaggio, veicoli adatti al trasporto e la possibilità di riutilizzare molte volte i prodotti oppure a chi sa già che utilizzerà l’arredo in numerosi allestimenti.

Conclusioni

Come ti avevo anticipato all’inizio di questo articolo, non esiste una risposta valida per tutti ma la scelta migliore dipende da come hai impostato la tua azienda o la tua professione.

La buona notizia è che, in ogni caso, abbiamo pensato alla migliore soluzione per il tuo budget.

Vuoi scoprire di più?

Scarica il catalogo e scopri tutte le oltre 450 personalizzazioni a tua disposizione:

Un saluto ai professionisti

Fabiano Gollo
Founder
RE.DA – Arredo Realistico in Cartone

L'articolo Acquisto o noleggio: qual è la formula migliore? proviene da RE.DA.

]]>
https://www.arredorealistico.com/acquisto-o-noleggio-qual-e-la-formula-migliore/feed/ 0
[Case Study + Video] Investimenti immobiliari: come arredare da zero un trilocale in 2h37m https://www.arredorealistico.com/come-arredare-da-zero-un-trilocale-in-2h37m/ https://www.arredorealistico.com/come-arredare-da-zero-un-trilocale-in-2h37m/#respond Mon, 27 Jan 2020 07:53:06 +0000 https://www.arredorealistico.com/?p=7637 Rispettare il business plan è il mantra di ogni investitore immobiliare. Come un faro nella notte guida i marinai nel mare in tempesta, così il business plan orienta l’investitore durante ogni fase dell’operazione, dalla mappatura dei prezzi di vendita, alla scrematura degli immobili da acquisire fino alla scelta dei materiali per la ristrutturazione e, naturalmente, […]

L'articolo [Case Study + Video] Investimenti immobiliari: come arredare da zero un trilocale in 2h37m proviene da RE.DA.

]]>

Rispettare il business plan è il mantra di ogni investitore immobiliare.

Come un faro nella notte guida i marinai nel mare in tempesta, così il business plan orienta l’investitore durante ogni fase dell’operazione, dalla mappatura dei prezzi di vendita, alla scrematura degli immobili da acquisire fino alla scelta dei materiali per la ristrutturazione e, naturalmente, l’importo richiesto per la vendita.

Saper redigere correttamente e rispettare in ciascun passaggio il business plan può fare tutta la differenza tra il chiudere un’operazione in guadagno oppure vedere infranti i propri sogni di gloria e ritrovarsi una casa sul groppone ed un cospicuo mutuo in banca.

O peggio ancora, un buco da svariate decine di migliaia di euro

In questo contesto, l’Arredo Realistico in Cartone si rivela un alleato fondamentale per gli investitori che vogliono snellire la fase di vendita e presentare ai clienti in visita un immobile caldo ed accogliente.

Vedi, chiunque abbia un poco di esperienza alle spalle nel mondo immobiliare sa bene che presentare le case vuote è il modo migliore per allungare a dismisura i tempi di vendita.
Infatti gli spazi vuoti, specie se si parla di intere case, risultano freddi ed inospitali.

Ma non solo…

Il problema maggiore è che le persone non riescono ad avere un’idea precisa degli spazi e questa incertezza fa risuonare mille dubbi all’interno della loro testa..
D’altronde si sta parlando di un acquisto da centinaia di migliaia di euro e di una scelta che cambierà le loro vite per sempre..

A questo proposito, mi capita di incontrare persone che sono vittime inconsapevoli di quella subdola trappola che suona più o meno così:

“Vabbè, può essere che una stanza vuota sembri più piccola oppure…può essere che sembri più grande!”

Se anche tu la pensi così mi dovrai perdonare ma ho una brutta notizia per te.
Ci sono infatti due sole possibilità: 

  • Per un “addetto ai lavori” gli spazi vuoti possono apparire grandi “il giusto” oppure solo un poco più piccoli. Infatti chi è abituato a vedere la trasformazione degli ambienti da vuoti ad arredati, con il tempo, impara a misurare gli spazi ad occhio. Queste persone rappresentano circa il 10% del totale.
  • Tutti gli altri, ovvero il 90% che rimane, vedono gli spazi molto più piccoli di quanto sono in realtà.

Quante persone vedono gli spazi vuoti più grandi di quelli che sono?
Zero..
Nessuno…
Non credi alle mie parole?
Lo capisco e allora ti invito a riflettere. 

Ti è mai capitato di sentire qualcuno esclamare:
“Cavolo, pensavo questa casa/stanza fosse molto più grande e invece….”

Confrontati anche con esperti del settore come geometri, architetti, agenti immobiliari..
Tutti ti confermeranno che la frase più sentita quando un cliente visita una spazio vuoto suona più o meno così: 

“Sembra un po’ piccolino qui…”

In definitiva, presentare le case come fossero ancora un cantiere e senza il minimo arredamento, è il modo migliore per allungare i tempi di vendita e ritrovarsi con un immobile da vendere che immobilizza il tuo flusso di cassa e non ti permette di rientrare del capitale.

Per questo molti investitori inseriscono già all’interno del business plan una quota dedicata alla valorizzazione immobiliare.
Alcuni si limitano ai render digitali, i più esperti arredano fisicamente l’immobile..
Quale è la scelta migliore? 

Render digitale o intervento fisico?

Credo saremo tutti d’accordo sul fatto che visitare un appartamento arredato sia più efficace del vedere dei render su carta, per quanto ben fatti.
Questo perchè un conto è vedere una foto, un altro conto è vivere una esperienza e rendersi conto in prima persona degli spazi.

Non sto inventando nulla di nuovo…

Pensaci: le persone sono disposte a spendere centinaia di € per partecipare ad un evento come la finale di champions league, mentre potrebbero guardarle gratuitamente (o a poco prezzo) in tv o in streaming.
Andare ad un concerto costa molto più che ascoltare la stessa canzone, gratis, su youtube.
Il biglietto per partecipare ad una conferenza costa molto di più che guardare la registrazione da casa.
Un viaggio alle Maldive costa molto di più che guardare le foto dei resort da Google immagini….

Le persone sono dunque disposte ad investire quando non si limitano ad essere passive ma  gli concediamo di vivere l’esperienza in prima persona

Il problema è che arredare fisicamente una casa costa molto più che un render….

…Oppure no?

Vedi, nel costante tentativo di alzare l’asticella ho pensato a lungo alla soluzione definitiva per arredare da zero, in poche ore ed in totale autonomia, qualunque appartamento o proprietà e trasformare dei freddi ed inospitali stanzoni vuoti in un accogliente nido domestico.

Da questo pensiero, che ha lavorato come un tarlo nella mia mente per mesi, è scaturito Render Reale, ovvero il servizio di noleggio di Arredo Realistico in Cartone: un pacchetto “chiavi in mano” che ti permette di trasformare i render da digitali a reali ed ottimizzare i costi di allestimento senza compromettere il risultato.

Perchè “chiavi in mano”? 

Perché oltre la componente in cartone è possibile anche noleggiare i complementi di arredo vero (cuscini, coperte, federe ed altro ancora) e ricevere direttamente sul luogo del montaggio tutto il materiale.
In questo modo non devi pensare a niente: segui le istruzioni che ti vengono fornite, disponi i mobili secondo il progetto che i nostri designer redigono per te e quando vendi casa riponi tutto negli imballaggi originali e chiedi il ritiro. 

Non avrai bisogno di alcun magazzino e se vorrai smettere di pagare il noleggio potrai riscattare i prodotti.

Abbiamo fatto un primo test, abbinando Arredo Realistico in Cartone ed arredo vero, in questo trilocale di circa 80 mq che si trova vicino a Firenze ed è stato oggetto di una profonda ristrutturazione da parte di Matteo, investitore immobiliare, che ha scelto di allestirlo utilizzando il pacchetto completo RE.DA.

La fase di consulenza ha evidenziato la necessità di coordinare le finiture con lo stile classico dello splendido soffitto in legno con travi a vista.
La casa è stata allestita in circa 3 ore grazie all’utilizzo di Arredo Realistico in Cartone che si monta in pochi istanti.
In una sola giornata è stato quindi possibile allestire e fare foto e video professionali, senza dover scomodare alcun installatore o traslocatore nel processo.

In questo caso l’investitore ha scelto di acquistare il pacchetto per circa 2.000€.
In caso di noleggio i costi partono da 597€, consulenza + spedizione + ritiro compresi.

Vuoi scoprire di più?
Allora scarica il catalogo: all’interno troverai maggiori informazioni sia sul noleggio che le oltre 450 personalizzazioni a tua disposizione.

Un saluto ai professionisti!

Fabiano Gollo
Fondatore
RE.DA – Arredo Realistico in Cartone

Per chi vuole ottenere la massima resa con la minima spesa!

"Ho conosciuto RE.DA grazie a diversi colleghi investitori che me la hanno presentata come la soluzione dal miglior rapporto qualità prezzo per arredare le case in vendita.
In effetti devo ammettere che quando ho visto le foto ed i video promozionali faticavo a credere che i prodotti fossero di cartone e dal vivo il risultato non è da meno.
Prima di acquistare non ero così sicuro della robustezza ma, appena tocchi i moduli, capisci subito per quale motivo possono essere riutilizzati in svariati allestimenti: sono solidi, robusti e non sembrano neanche fatti di cartone.
Ho inviato la planimetria della casa ed un paio di foto delle finiture e lo staff RE.DA si è occupato di tutto, dalla scelta dei prodotti, alla disposizione dei mobili fino agli abbinamenti delle texture, presentandomi un progetto completo.
Ho acquistato il pacchetto per un trilocale investendo circa 2000€ ed, ipotizzando di riutilizzarli anche solo altre 2 volte, questo significa un costo per allestimento di neanche 700€.
Un meraviglioso risultato estetico ad un costo molto inferiore rispetto a qualunque alternativa sul mercato.
Infine, il fatto che il divano e la poltrona siano anche utilizzabili è un grosso vantaggio: in questo modo ho ricreato un piccolo salotto dove potermi accomodare e parlare con le persone interessate ad acquistare la casa.
Per chi vuole ottenere la massima resa con la minima spesa, i prodotti RE.DA sono perfetti."
Matteo Marena
Investitore Immobiliare

L'articolo [Case Study + Video] Investimenti immobiliari: come arredare da zero un trilocale in 2h37m proviene da RE.DA.

]]>
https://www.arredorealistico.com/come-arredare-da-zero-un-trilocale-in-2h37m/feed/ 0
Home Staging in Italia: chi lo deve pagare? https://www.arredorealistico.com/home-staging-in-italia-chi-lo-deve-pagare/ https://www.arredorealistico.com/home-staging-in-italia-chi-lo-deve-pagare/#respond Tue, 12 Nov 2019 16:22:06 +0000 https://www.arredorealistico.com/?p=5138 Se sei un agente immobiliare, ti sarai già chiesto chi deve pagare la spesa per il servizio di home staging. Il proprietario di casa?L’acquirente?O l’agente immobiliare? Il venditore è il primo beneficiario di una transazione veloce ed a prezzi congrui alla sua richiesta quindi avrebbe senso che sia lui a sostenere l’investimento.Lasciare che sia il […]

L'articolo Home Staging in Italia: chi lo deve pagare? proviene da RE.DA.

]]>

Se sei un agente immobiliare, ti sarai già chiesto chi deve pagare la spesa per il servizio di home staging.

Il proprietario di casa?
L’acquirente?
O l’agente immobiliare?

Il venditore è il primo beneficiario di una transazione veloce ed a prezzi congrui alla sua richiesta quindi avrebbe senso che sia lui a sostenere l’investimento.
Lasciare che sia il proprietario di casa a pagare la valorizzazione dell’immobile è infatti la scelta più comune in Italia e, se sei un agente immobiliare, in questo articolo voglio portarti a conoscenza di alcune soluzioni che puoi adottare per sfruttare a tua vantaggio questa consuetudine per acquisire immobili in esclusiva.

In questo articolo avanzato daremo per scontato che tu conosca l’home staging, ovvero l’ unico strumento di marketing immobiliare che lavora sia online che offline e convince sia l’acquirente che il venditore a scegliere te piuttosto che i tuoi concorrenti oppure – peggio ancora – fare da soli.
Se non è così, interrompi la lettura e vai a questo articolo.

Dicevamo…

Nel corso di una trattativa, a chi interessa maggiormente vendere?
Al proprietario di casa, senza dubbio.

E chi altro guadagna dalla conclusione dell’operazione?
I nuovi proprietari che hanno finalmente trovato la loro nuova casa.
Vero anche questo ma…

Fuochino…

Sarai d’accordo con me: l’agente immobiliare è una delle ultimissime figure professionali rimaste ad essere pagato “a prestazione”.
Infatti percepisce il suo compenso solo ad affare concluso.

Questo fa combaciare in modo molto preciso gli interessi del venditore con quelli dell’agente: entrambi vorranno vendere nel minor tempo possibile (l’agente è pagato dopo che le parti si sono accordate).

L’agente è quindi beneficiario dell’attività di valorizzazione immobiliare che rappresenta per lui un “acceleratore” di risultati, garantendo tempi ridotti e minori ribassi sul prezzo rispetto al proporre la proprietà nello stato iniziale.
Allo stesso tempo potrebbe capitare che il proprietario di casa, deciso a volersi disfare dell’immobile, non voglia investire denaro in una cosa che a breve non sarà più sua.
Inoltre, far comprendere a tutti i proprietari il valore dell’home staging può essere difficoltoso e richiede un grosso dispendio di energie perchè è una pratica dal valore riconosciuto a livello internazionale ma ancora insolita in Italia.

Appurato quindi che tu, in quanto agente immobiliare, hai un interesse diretto, immediato, a valorizzare le proprietà prima di metterle in vendita e che convincere il proprietario ad affrontare la spesa può essere complesso e controproducente, come puoi fare per aumentare le chance di valorizzare gli immobili e quindi di dare gas alle tue performance di vendita?

Be’, prima di “reinventare la ruota”, vediamo come si è evoluto il mercato in America, la patria dell’home staging.

Abbiamo infatti la fortuna di poter osservare da vicino un mercato più maturo del nostro e, con le dovute precauzioni, possiamo avere importanti indizi sulle tendenze future.

E se stai pensando (comprensibilmente):

“Eh si, facile!
Gli USA sono un altro mercato!
A Settebagni (esiste davvero! Si trova fuori Roma) le cose non funzionano così!”

Permettimi di farti notare che funziona così in tutto il mondo, Europa compresa.
Nella vicinissima Francia, Spagna o Germania l’home staging ha mostrato performance pari a quelle USA ed a quelle italiane.
Solo che dagli USA abbiamo dati più precisi perchè è un settore consolidato e monitorato assiduamente.

Ti basti sapere che, se un tuo collega americano porta in visita un cliente in una proprietà non allestita, la risposta media è:

“Perchè mi hai portato qui che è tutto vuoto?”

Inoltre, vorrei chiederti..
Per quale motivo in USA dovrebbe essere diverso rispetto all’ Italia?
Davvero, pensaci.
Immagina per un istante di essere uno “yankee” in cerca di una casa nuova.

Se tu preferisci entrare in un ambiente curato ed arredato, per quale motivo un italiano dovrebbe preferire entrare in uno stanzone vuoto e fare lo sforzo di immaginare tutto?

Non ha molto senso vero?

D’altronde gli agenti con un po più di esperienze alle spalle hanno già notato che è più facile vendere gli immobili arredati rispetto a quelli vuoti, purchè si tratti di mobilio moderno, anche basico, e non quello anni 70 recuperato dalla casa della nonna…

Appurato quindi che, anche in mercati diversi, le dinamiche relative all’home staging sono paragonabili, vediamo la fotografia scattata da questa ricerca intitolata “Profilo dell’Home Staging 2019” che ha raccolto dati da migliaia di agente immobiliari americani.

Le prime pagine riguardano l’impatto dell’home staging sulla percezione degli immobili.
Ci sono molti dati a riguardo ma te ne voglio dare solo uno che forse dice tutto: l’ 83% ha dichiarato che

“l’home staging ha reso più facile visualizzare la proprietà come la propria futura casa”.

Più di 8 su 10.
Non male, vero?

Ora però vorrei analizzare la statistica che risponde alla domanda:

“Chi ha pagato per il servizio di home staging?”

Beh, magari sarai stupito dal fatto che, nel 43% dei casi, è l’agente stesso a pagarlo e non il venditore.
Quasi 1 su 2.

Questo avviene perchè in America l’agente immobiliare è una figura con una forte propensione all’imprenditoria ed è quindi portato ad investire in strumenti che gli portano un vantaggio economico diretto.

Tradotto: visto che ha tutto l’interesse a proporre esclusivamente immobili valorizzati, se il proprietario non vuole assorbire la spesa trova una soluzione economicamente sostenibile che gli permetta di sfruttare ugualmente questo strumento.

E’ possibile trasformare questo investimento in un guadagno nonostante commissioni sempre più risicate dalla crisi e dalla concorrenza.

Appurato che l’agente è interessato in prima persona valorizzare l’immobile, dobbiamo capire come fanno in America a trasformare questo investimento in un guadagno.

Vedi, l’home staging è lo strumento perfetto per acquisire immobili in esclusiva.

Il venditore è infatti sensibile alla proposta di migliorare la proprietà, purchè non debba pagare lui l’intervento (mica scemo, penserai…)
Puoi quindi offrirti di migliorare la presentazione dell’immobile a tue spese e di essere l’unico a poter coordinare la transazione.
D’altronde rifiutarsi implica che il proprietario voglia far pagare all’agente questa spesa e poi dare il mandato anche ai suoi concorrenti…

A questo punto, non dovendo sborsare un € in anticipo, sia il venditore che l’acquirente saranno più propensi a riconoscere una percentuale maggiore all’agente, giustificata nel primo caso sia dal maggiore prezzo di vendita che dai minori tempi oppure, nel secondo caso, in cambio dell’aiuto a visualizzare al meglio le potenzialità dell’immobile.

Ecco che sono tutti contenti.

Il venditore e l’agente hanno ottenuto il massimo ed il compratore è felice di aver visto chiaramente le potenzialità della casa, senza spendere un soldino in più.
Entrambe le parti saranno ben felici di ricompensare l’agente – sia a livello economico che consigliandolo agli amici – per aver aiutato a concludere un accordo così velocemente.

In questo modo abbiamo trasfromato l’home staging nella chiave per ottenere in modo consistente l’esclusiva sulla vendita, anche quando il proprietario è riluttante a concederla.

Come approcciare l’home staging un passo alla volta

Se stai valutando di valorizzare gli immobili con regolarità e vuoi adottare un approccio graduale, la soluzione che molti tuoi colleghi stanno sperimentando con successo è quella di crearsi un piccolo magazzino di mobili in cartone.

Una volta smontati, questi moduli occupano poco spazio e, all’occorrenza, ti permettono di arredare in un istante gli ambienti grazie ad un particolare sistema di stampa ad alta definizione che li rende molto simili ai mobili veri.

In questo modo sei sempre pronto ad intervenire ed eviti di dover spiegare gli spazi a parole ma soprattutto di rispondere alle solite obiezioni come:

“Mi sembra piccolino qui…”
“Ma siamo sicuri che ci stia la penisola..?”

e così via…

Quando non ti servono puoi riporli in ufficio e trasportarli comodamente con una utilitaria, senza il bisogno di alcun magazzino.
Attualmente abbiamo a disposizione mobili per tutti gli ambienti di casa con oltre 250 personalizzazioni. Se tutta questa scelta ti intimorisce, puoi sfruttare la nostra consulenza gratuita.

Se non lo hai ancora fatto, scarica il catalogo e scopri tutti i prodotti con le relative personalizzazioni e prezzi.
Clicca qui per scaricare il catalogo.

+ BONUS GRATUITO

Se hai previsto un allestimento a breve invia una mail a info@arredorealistico.com allegando la planimetria, i dettagli della cucina e le foto dei colori e delle texture dominanti.
Il nostro team di Home Stager Professioniste ti guiderà nel mare di personalizzazioni, scegliendo per te le combinazioni più adatte sia fra di loro che con l’ambiente circostante e risponderà ad ogni dubbio.

Se invece non hai previsto un allestimento a breve ma vuoi iniziare a comporre il tuo kit di pronto intervento in modo da non dover aspettare i tempi tecnici per la consegna, scrivi a info@arredorealistico.com e ti aiuteremo a scegliere una combinazione modulare e facile da inserire in tutte le situazioni.

Un saluto ai professionisti!

Fabiano Gollo
Fondatore
RE.DA – Arredo Realistico in Cartone

L'articolo Home Staging in Italia: chi lo deve pagare? proviene da RE.DA.

]]>
https://www.arredorealistico.com/home-staging-in-italia-chi-lo-deve-pagare/feed/ 0
Qual è l’unico strumento di marketing immobiliare che lavora sia online che offline e convince sia l’acquirente che il venditore a scegliere te piuttosto che la concorrenza o peggio ancora fare da soli? https://www.arredorealistico.com/quale-lunico-strumento-di-marketing-immobiliare-che-lavora-sia-online-che-offline-e-convince-sia-lacquirente-che-il-venditore-a-scegliere-te-piuttosto-che-la-concorrenza-o-p/ https://www.arredorealistico.com/quale-lunico-strumento-di-marketing-immobiliare-che-lavora-sia-online-che-offline-e-convince-sia-lacquirente-che-il-venditore-a-scegliere-te-piuttosto-che-la-concorrenza-o-p/#respond Fri, 19 Jul 2019 09:27:49 +0000 https://www.arredorealistico.com/?p=2545 Gli agenti immobiliari hanno a disposizione molti strumenti per promuoversi. Alcuni sono più datati, altri più recenti, altri ancora sono al centro di vere e proprie “mode” causate da formatori che li spacciano come il sacro graal delle vendita immobiliare.  Ma come ogni moda sono destinati a sgonfiarsi entro breve tempo.. Vediamo i principali, suddividendoli […]

L'articolo Qual è l’unico strumento di marketing immobiliare che lavora sia online che offline e convince sia l’acquirente che il venditore a scegliere te piuttosto che la concorrenza o peggio ancora fare da soli? proviene da RE.DA.

]]>

Gli agenti immobiliari hanno a disposizione molti strumenti per promuoversi.

Alcuni sono più datati, altri più recenti, altri ancora sono al centro di vere e proprie “mode” causate da formatori che li spacciano come il sacro graal delle vendita immobiliare. 

Ma come ogni moda sono destinati a sgonfiarsi entro breve tempo..

Vediamo i principali, suddividendoli tra quelli che agiscono offline (cioè nella realtà fisica) e quelli che lavorano online, cioè sul web.

OFFLINE

  1. Bussare alla porta / Suonare i campanelli
  2. Fare telefonate a freddo a sconosciuti
  3. Stampare la pubblicità sul cartellone 4×3 della città oppure sui manifesti nelle vie dove ci sono le agenzie della concorrenza
  4. Pubblicare gli annunci nella vetrina dell’agenzia immobiliare
  5. Accompagnare i clienti interessati a visitare l’immobile

ONLINE

  1. Pubblicare gli annunci sul tuo sito web
  2. Pubblicare gli annunci sui portali immobiliari
  3. Pubblicare gli annunci sui social
  4. Scrivere degli articoli sul blog
  5. Fare email marketing
  6. Fare sponsorizzate su facebook

I metodi offline sono quelli classici: alcuni rappresentano dei veri e propri evergreen, altri invece sono piano piano lasciati da parte e sostituiti con alternative più professionali.

Grazie alle numerose indagini statistiche sappiamo ormai con certezza che la figura dell’agente immobiliare è vista con diffidenza dagli italiani che, in un caso su due, preferiscono acquistare e vendere casa da soli, senza farsi affiancare da un esperto.

Per questo motivo, con il passare degli anni, sempre più agenti hanno abbandonato certe tecniche da piazzista come bussare a tutte le porte del quartiere o chiamare a freddo centinaia di sconosciuti visto che l’unico risultato ottenuto era quello di vedersi chiudere la porta – o la telefonata – in faccia.

Al contrario gli annunci in vetrina oppure le visite negli immobili rappresentano ancora alcuni degli strumenti più economici ed efficaci allo stesso tempo.

Nel tempo, a questi  strumenti si vanno affiancando quelli più tecnologici come l’utilizzo dei portali immobiliari oppure dei render.
Quest’ultimo in particolare è al centro di una vera e propria bolla destinata a sgonfiarsi presto: se l’utilità del render è infatti innegabile (ed innegata) è anche vero che il suo potere è limitato a quelle realtà in costruzione.

Per tutti i casi in cui  l’immobile è già costruito, il cliente vorrà sempre andare a visitare fisicamente la proprietà per valutarne lo stato effettivo ed allora il render visto in agenzia oppure sugli annunci lascia il tempo che trova.. 

Comprensibile no?

Ora, hai notato come tutti questi strumenti lavorino sempre, solo ed esclusivamente nel mondo online OPPURE in quello offline?

Hai notato come servano ad acquisire clienti interessati a vendere casa OPPURE clienti interessati ad acquistare casa?

In pratica, ciascuno di questi strumenti lavora sempre e solo su un lato.

Ti sei mai chiesto quale sia l’unico strumento di marketing immobiliare che lavora contemporaneamente sia online che offline e convince sia il proprietario che vende casa che l’acquirente a scegliere te piuttosto che la concorrenza?

Mi dirai: 

“E’ impossibile che esista uno strumento del genere ed anche se esiste è impossibile che io non lo conosca.
Come può essere?”

E’ molto semplice: questa tecnica esiste da tempo ma non è mai stato usata in Italia.

Dopo decenni di test con ottimi risultati in tutto il mondo, indipendentemente da nazione, lingua e tipo di immobile, sta approdando in Italia grazie ad un piccolo manipolo di professionisti che diffondono l’utilizzo.

Ed il motivo per cui è così potente è molto semplice: si tratta infatti dell’unico strumento di marketing immobiliare al mondo che lavora direttamente sul prodotto, migliorandolo e rendendolo più facile da vendere.

Infatti:

  • bussare alla porta e suonare i campanelli non porta alcuna miglioria alla proprietà 
  • scattare foto professionali non porta alcuna miglioria alla proprietà
  • i render non portano alcuna miglioria alla proprietà
  • i tuoi cartelloni 4×3 non portano alcuna miglioria alla proprietà..

E così via, con tutti gli altri strumenti citati fin’ora.

Se il tuo obiettivo è quello di vendere una casa – e di farlo nel minor tempo possibile – non trovi intelligente lavorare su di essa in modo da renderla più appetibile piuttosto che trovare degli escamotage per farla apparire tale?

Leggi questa breve storia il cui protagonista è un forzuto taglialegna:

Un uomo sta camminando nel bosco quando incontra un boscaiolo intento a segare un albero. 
ll boscaiolo è affaticato: lavora da 5 ore ed ha molta fretta di finire il lavoro.
L’uomo nota che la lama non taglia bene e lo fa notare al boscaiolo, suggerendogli di fermarsi ad affilare la lama della sua ascia.
Il boscaiolo stizzito risponde: 
«Non si rende conto che ho fretta? Non ho tempo di fermarmi per affilare la lama, devo abbattere questo albero al più presto»”

Come il boscaiolo della storia, l’agente immobiliare – preso da mille impegni, dalle urgenze e dalle infinite richieste dei clienti – continua a fare il suo lavoro con metodi antichi, non più adatti al contesto attuale, che funzionano poco e richiedono un grande sforzo. 

Magari alcuni risultati possono anche essere soddisfacenti, ma a quale prezzo?

Trattative infinite che durano mesi, clienti che vogliono visitare l’immobile 5 volte in due settimane, innumerevoli porte in faccia accompagnate da quella sensazione di essere considerato uno “scocciatore”.. 

Non sarebbe tutto molto più facile se avessi uno strumento che ti permette sia di migliorare il prodotto che vuoi vendere sia di migliorare la tua immagine di professionista dell’immobiliare?

Questo strumento esiste e si chiama “Home staging” oppure, se vogliamo dirla all’Italiana, “Valorizzazione immobiliare” e consiste nell’ intervenire sull’immobile prima di metterlo in vendita affinchè tu possa mostrare ai tuoi clienti il famoso “stile di vita” di cui tutti parlano.

“Non stai vendendo una casa, stai vendendo uno stile di vita”

Questa è in assoluto una delle frasi più usate – ed abusate – nel panorama del marketing immobiliare italiano.

Ma quando presenti sul mercato un immobile in queste condizioni, esattamente, quale stile di vita stai provando a vendere?

E’ proprio per risolvere situazioni come queste, tanto semplici quanto comuni, che si è iniziato ad arredare temporaneamente gli immobili in vendita, in modo che siano loro stessi a comunicare al cliente lo stile di vita associabile a quella proprietà. 

Questo è il risultato: è un po meglio, non trovi?

Come sai l’acquisto di una nuova casa è un momento fondamentale nella vita di ciascuno di noi ed è vissuto – per fortuna – in modo molto emozionale.

Presentando proprietà vuote e poco luminose stai spegnendo l’emozione associata a questo evento con risultati controproducenti in primis per te stesso.

I clienti interessati infatti non hanno idea degli ingombri ne della resa finale.
Tu provi ad aiutarli ma un conto è spiegare a voce, un altro è vivere l’esperienza di persona.

Esattamente come guardare la finale di Champion’s allo stadio è molto più emozionante che ascoltare la telecronaca alla radio, non trovi?

E’ a questo punto che i clienti iniziano a:

  • chiedere di visitare l’ immobile più volte “Perchè devono capire meglio”
  • farti mille domande sugli ingombri dei mobili 
  • trattare sul prezzo allungando a dismisura i tempi di acquisto

Al contrario, le case preparate per la vendita si vendono in breve tempo: in media meno di due mesi con casi limite di poche ore.

Ma non solo: si vendono dopo poche visite e senza trattative estenuanti.

Ed inoltre qualificano il tuo lavoro di intermediazione perché proporre soluzioni innovative ti fa percepire come un esperto ed aiuta a giustificare ulteriormente la tua commissione.

In cosa consiste esattamente questa valorizzazione dell’immobile?

Le attività da fare possono essere diverse a seconda che la proprietà sia vuota, arredata oppure vissuta dai proprietari attuali ma l’obiettivo è sempre lo stesso: presentare ai clienti un immobile che comunica uno stile di vita e li attragga come un magnete.

Per farlo è necessario:

  • valutare quale tipo di cliente può essere più interessato all’ acquisto di quello specifica casa
  • pulire accuratamente la proprietà
  • sistemare crepe e piccole imperfezioni
  • inserire dell’arredo temporaneo che valorizzi gli spazi
  • inserire tutti gli accessori come piante, quadri e sedie che rendono viva la proprietà
  • curare i punti luce per valorizzare i pregi
  • disallestire il tutto una volta venduto l’immobile

Perchè la valorizzazione immobiliare è così potente?

Per spiegare in modo molto semplice perché questo strumento è così potente, torniamo per un attimo alla storia del taglialegna.

Lo strumento principale che utilizza per abbattere l’albero è la sua ascia, ma non è il solo: deve anche usare forza e coordinazione.

Tuttavia, migliorando la capacità di taglio dell’ascia otterrebbe un enorme risparmio di tempo e fatica.

Allo stesso modo lo strumento principale di un agente immobiliare è.. la casa stessa!

Ti sarà capitato di vendere alcune case in poco tempo mentre altre ti sono rimaste sul “groppone” per mesi, a volte anche anni.

Eppure la tua promozione, esattamente come la forza e la coordinazione del taglialegna, era sempre la stessa: pubblicare gli annunci ovunque, accompagnare i clienti interessati in visita e così via..

E’ evidente che un prodotto migliore si vende meglio quindi perchè non fermarsi un attimo ed investire un poco per “affilare la tua lama” in modo da ottenere risultati migliori in meno tempo e con meno fatica? 

La potenza di questo strumento è così grande perchè, agendo sul prodotto stesso, porta vantaggi a cascata su 5 fronti, contemporaneamente:

  • ONLINE: non voglio ripetere quanto siano fondamentali le foto nell’annuncio ma piuttosto far riflettere su questo: quanto migliorerebbero i tuoi risultati se presentassi solo foto di proprietà arredate e curate nei minimi dettagli?
  • OFFLINE: oltre gli annunci in vetrina, come cambierebbe la visita dell’immobile se questo fosse sempre arredato e tu non dovessi spiegare a parole gli spazi e rispondere sempre alle solite obiezioni tipo “Mi sembra un po piccolino qui…”
  • CHI CERCA CASA può finalmente vedere le potenzialità della casa e proiettarvi la propria quotidianeità senza avere alcun dubbio sugli spazi. Questo azzera le obiezioni, lo fa sentire più sicuro e meno titubante della sua scelta, elimina il timore di pentirsi in futuro (parliamo comunque di un acquisto da decine, se non centinaia, di migliaia di €) ed accorcia i tempi di acquisto
  • CHI VENDE CASA vende più in fretta l’immobile e non deve affrontare estenuanti trattative che penalizzano il prezzo finale di vendita 
  • L’AGENTE IMMOBILIARE risolve a monte tutte le obiezioni dell’acquirente, qualifica il proprio lavoro agli occhi di entrambe le parti e conclude il suo lavoro in meno tempo e con minore fatica.

Ora, vuoi continuare ad usare lame poco affilate e metodi antiquati che ti fanno ottenere pochi risultati con tanto sforzo oppure preferisci utilizzare strumenti che si occupano del lavoro sporco al posto tuo e ti permettono di concludere più vendite, con più soddisfazione in meno tempo?

Allora devi sapere che, grazie all’Arredo Realistico in Cartone, ora puoi arredare le tue proprietà vuote in totale autonomia.

Infatti questi moduli in cartone sono:

  • estremamente realistici (grazie alla stampa ad alta definizione), 
  • facili da trasportare (li conservi nello sgabuzzino e li trasporti con una macchina qualunque) 
  • facili da da montare e smontare grazie al sistema di agganci brevettato
  • molto robusti e quindi riutilizzabili nel tempo, anche 10 volte

Gianluigi Sarzano, imprenditore e formatore immobiliare, co-autore del libro “Guida al Successo dell’Agenzia Immobiliare”

RE.DA è un progetto fantastico, penso che sia la naturale evoluzione del settore immobiliare: molto utile all’agente ma anche al cliente.
Penso che utilizzare questi strumenti conferisca professionalità all’attività immobiliare aiuta la vendita, quindi il mio parere è molto positivo.
Aggiungiamoci poi che,  con questi mobili, puoi fare, home staging al massimo livello con una facilità estrema di trasporto e di montaggio e non hai alcuno problema di magazzino.
Insomma, gli agenti immobiliari hanno ora a disposizione la soluzione definitiva per valorizzare temporaneamente e presentare al meglio gli immobili 

In questo modo:

  • sei indipendente da figure esterne e puoi arredare in pochi minuti la proprietà
  • sei sicuro di presentare i tuoi immobili al meglio
  • puoi scattare foto professionali e girare video emozionali anche in quelle case che un tempo non te lo permettevano perché non arredate
  • motivi ulteriormente la tua commissione di intermediario

Vuoi scoprire di più?
Allora puoi

  1. Scaricare il catalogo: https://bit.ly/2JFXSvB
  2. Acquista il campionario, lo strumento di marketing ideale per stupire i tuoi clienti.
    Mostra loro i campioni e divertiti a guardare la reazione quando si accorgono del grado di realismo della nostra stampa ad alta definizione.
    Inoltre, assieme al campionario ricevi la versione cartacea del catalogo.
    Acquistalo ora: https://bit.ly/2Yelmwz
  3. Leggere l’articolo: HOME STAGING: Conviene farselo da soli? Scopri tutti i costi

Un saluto ai professionisti!

Fabiano Gollo
Fondatore
RE.DA – Arredo Realistico in Cartone

L'articolo Qual è l’unico strumento di marketing immobiliare che lavora sia online che offline e convince sia l’acquirente che il venditore a scegliere te piuttosto che la concorrenza o peggio ancora fare da soli? proviene da RE.DA.

]]>
https://www.arredorealistico.com/quale-lunico-strumento-di-marketing-immobiliare-che-lavora-sia-online-che-offline-e-convince-sia-lacquirente-che-il-venditore-a-scegliere-te-piuttosto-che-la-concorrenza-o-p/feed/ 0
Home staging: conviene farselo da soli? Scopri tutti i costi https://www.arredorealistico.com/home-staging-conviene-farselo-da-soli-scopri-tutti-i-costi/ https://www.arredorealistico.com/home-staging-conviene-farselo-da-soli-scopri-tutti-i-costi/#respond Wed, 10 Jul 2019 13:38:57 +0000 https://www.arredorealistico.com/?p=2502 Se sei un agente immobiliare ed hai cercato di capire il costo per il servizio di home staging ti sarà capitato di ricevere offerte con prezzi anche molto diversi fra loro. Come è possibile? Penserai: d’altronde si tratta di allestire la stessa, identica, proprietà…Per  rispondere a questa domanda oggi vorrei vedere assieme quali voci compongono […]

L'articolo Home staging: conviene farselo da soli? Scopri tutti i costi proviene da RE.DA.

]]>

Se sei un agente immobiliare ed hai cercato di capire il costo per il servizio di home staging ti sarà capitato di ricevere offerte con prezzi anche molto diversi fra loro.

Come è possibile?

Penserai: d’altronde si tratta di allestire la stessa, identica, proprietà…
Per  rispondere a questa domanda oggi vorrei vedere assieme quali voci compongono un allestimento di home staging e quanto ciascuna di queste incide sul totale finale. 
Inoltre, se mi seguirai fino alla fine, voglio anche rivelarti un trucchetto per abbattere i costi fino al 80%.

Niente male vero?
Allora partiamo.

I costi principali di cui si compone un preventivo di home staging sono:

  • Consulenza
  • Affitto del mobilio 
  • Trasporto, montaggio e smontaggio del mobilio
  • Pulizia e piccoli ritocchi artigianali
  • Affitto del “tessile” e degli accessori
  • Fotografia professionale 

Possono essercene altri ed alcuni possono essere opzionali ma queste sono comunque le voci principali.

Molto dipende anche dallo stato dell’abitazione.

Parliamo di una casa arredata?
Parliamo di una casa attualmente vissuta?
Parliamo di un’ appartamento vuoto?

Da ora in poi, per semplicità, consideriamo un appartamento vuoto, cioè la situazione più onerosa perchè prevede tutte (o quasi) le voci qui sopra.
Per i costi, ipotizziamo inoltre di dover allestire un trilocale, quindi una dimensione media 

Vediamole una per una. 

CONSULENZA (300€ – 600€):

La consulenza iniziale serve per capire innanzitutto se preparare l’immobile può essere utile a venderlo più facilmente. Come abbiamo già detto, l’home staging è uno strumento potentissimo ma non fa miracoli: un immobile proposto ad un prezzo fuori mercato sarà comunque difficile (o impossibile) da vendere. 

Valutato questo primo parametro bisogna capire, tra le altre cose:

  • Qual’è il cliente più adatto all’immobile
  • Qual è lo stile dell’immobile e come esprimerlo al meglio per renderlo più appetibile: una seconda casa al mare è diversa da un loft in centro città oppure da una baita in montagna e l’allestimento deve tenere conto di questi fattori affinchè il risultato finale sia in linea con le aspettative del cliente.
  • Quali tessuti scegliere – e come abbinarli.
  • Quali colori scegliere – e come  abbinarli.
  • Come predisporre le luci – e quali usare.
  • Come disporre il mobilio in modo che risulti funzionale per essere vissuto

AFFITTO DEL MOBILIO (800€ – 4.000€):

Il mobilio è in assoluto la voce più onerosa ed allo stesso tempo quella che può subire le maggiori variazioni.
Questo perché: 

  • alcune home stager usano esclusivamente arredo vero (in Italia sono poche visti i costi spropositati sia per l’acquisto che per tutto quello che riguarda la logistica: magazzino, trasporto e montaggio)
  • altre utilizzano elementi Realistici in cartone, contenendo i costi e fornendo al contempo un ottimo risultato estetico molto simile all’utilizzo di un arredamento vero
  • altre ancora utilizzano soluzioni più economiche come scatoloni neutri o stampati a bassa definizione al posto del mobilio ma anche pareti con i mobili pitturati o cavalletti da pittore a mo’ di tavoli.

Capirai da solo che, se da un lato è vero che queste ultime soluzioni sono le più economiche, allo stesso tempo sono anche quelle con il peggior risultato estetico.

D’altronde, il tuo obiettivo è quello di vendere in fretta, non di “arredare” casa.
Sacrificando il risultato estetico pur di risparmiare qualche soldino rischi di ritrovarti nella stessa situazione di partenza, cioè tanto tempo investito nella promozione della proprietà che però resta invenduta per mesi.

Accertati quindi che l’home stager con cui stai trattando sia una professionista e non utilizzi queste soluzioni improvvisate che sviliscono il tuo lavoro. 
A meno che tu non sia un masochista e non tragga piacere dal buttare via i tuoi soldi…

TRASPORTO, MONTAGGIO E SMONTAGGIO (0€ – 500€)

Se utilizzi arredamento vero questa voce ha la sua incidenza.
Bisogna infatti considerare l’affitto di un furgone oppure di rivolgersi ad una ditta di traslochi.
Inoltre il montaggio può richiedere anche diversi giorni.
Con le soluzioni Realistiche in cartone questa voce si riduce drasticamente: i moduli possono infatti essere trasportati con una comune berlina, semplicemente abbattendo i sedili posteriori.

PICCOLI RITOCCHI ARTIGIANALI (0€ – 500€)

Durante la visita dell’immobile ti sarà capitato che i clienti si focalizzino sui piccoli difetti per avere più potere in fase di trattativa. Un singolo dettaglio fuori posto ha la capacità di monopolizzare l’attenzione dei tuoi clienti che si focalizzano su di esso invece di godersi la visita  dell’immobile…

Per questo è necessario pulire attentamente tutti gli ambienti e sistemare crepe ed altri piccoli elementi che stonano in modo che il cliente possa concentrarsi sull’ esperienza di vivere la casa, già dai primi istanti.

L’home stager solitamente non si occupa in prima persona di questi lavori ma li delega ad artigiani di fiducia.

AFFITTO DEL TESSILE E DEGLI ACCESSORI (200€ – 500€)

Molti pensano che fare home staging significhi mettere qualche cuscino e due candele.
Come magari stai iniziando a capire c’è molto di più, ma ora è venuto anche il momento di aggiungere: tende, sedie, tappeti, piante, quadri ed altri piccoli accessori dal grande impatto.
Sono infatti questi dettagli che rendono “vero” l’allestimento e creano una atmosfera familiare, che non sembra costruita.

FOTOGRAFIA PROFESSIONALE (150€ – 250€)

Anche questa voce può subire molte variazioni.

Alcune home stager la inseriscono all’interno del preventivo, altre la lasciano come una opzione. Altre ancora non si occupano direttamente della fotografia ma si avvalgono di professionisti esterni. Insomma, ho inserito questa voce perchè è fondamentale presentare fotografie professionali nell’annuncio. Che a farle sia l’home stager, un suo fotografo di fiducia oppure un tuo collaboratore, l’importante è che questo passaggio non manchi mai.

Ora, vediamo assieme come molti tuoi colleghi – grazie ad una soluzione semplice ma efficace – hanno ridotto drasticamente tempi e costi dell’home staging.

Abbiamo visto che la voce di spesa maggiore riguarda l’affitto dei mobili.
Prima della nascita di arredamenti in cartone, a questo bisognava per forza di cose aggiungere i costi logistici di trasporto, montaggio e smontaggio.

Con l’arrivo dei mobili in cartone molti agenti immobiliari hanno trovato conveniente instaurare una collaborazione “ibrida” con l’home stager che prevede di:

  1. Acquistare autonomamente i mobili Realistici in cartone, in particolare quelli più ingombranti: cucina, divano, armadi.
    Nello scegliere l’arredo è doveroso farsi affiancare da una esperta in modo da preferire texture facilmente abbinabili ed elementi che, una volta combinati tra loro, risultino in armonia.
  2. Lasciare che l’home stager si occupi delle voci più complesse – in cui può dare il maggiore contributo professionale – come la consulenza iniziale e l’abbinamento del tessile e degli accessori.

In questo modo l’agente immobiliare: 

  1. Sostiene una sola volta il costo di acquisto dei mobili in cartone, li riutilizza nel tempo  e non deve pagare tutte le volte il costo dell’affitto. 
  2. Può aggiungere il servizio di “arredare la casa” all’interno della propria commissione in modo da differenziarsi dai concorrenti, giustificare ulteriormente il compenso e farsi preferire dai propri clienti.
  3. Si assicura un risultato realistico, in linea con le aspettativi dei suoi clienti (che si aspettano un arredo vero e non sono ben predisposti a soluzioni improvvisate o dallo scarso gusto estetico) 
  4. Risolve in un istante le obiezioni dei clienti interessati all’acquisto preoccupati dell’ ingombro del mobilio 
  5. Può gestire autonomamente tutta la logistica: non ha bisogno di un magazzino (l’Arredo Realistico occupa poco spazio e può essere riposto in un uno sgabuzzino), non ha bisogno di traslocatori o furgoncini (i mobili possono essere trasportati con qualunque macchina) ne di qualcuno che assembli i mobili (i moduli in cartone si montano in pochi secondi grazie al pratico sistema di incastri brevettato).

E quindi l’investimento nel servizio di home staging sarebbe anche minore perchè avrai ridotto a zero due delle voci più onerose, cioè l’affitto del mobilio e le spese collegate.

Questa compromesso è molto apprezzato perchè, se si ha la necessità di usare con ricorrenza i mobili in cartone, non ha senso affittarli tutte le volte.
Inoltre, investire in questo asset ti permette allo stesso tempo anche di migliorare la tua immagine di professionista e di essere più elastico nell’offerta ai tuoi clienti. 

Infatti, sappiamo entrambi quanto, nel nostro paese, la figura dell’agente immobiliare sia vista – a torto o a ragione, purtroppo questa è la realtà – con diffidenza da chi vende ed acquista casa.

Basti dire che, mentre nel resto d’Europa le transazioni immobiliari seguite da un agente sfiorano regolarmente il 90%, in Italia questo dato stenta a passare il 50%. 

Quasi la metà.

Per questo motivo è fondamentale vincere la naturale diffidenza che i clienti hanno nei tuoi confronti e per farlo è necessario differenziarsi dai “piazzisti” immobiliari ed essere percepito come un professionista. 

Grazie ai vantaggi dell’Arredo Realistico in Cartone puoi essere il primo a proporre il servizio innovativo – ma ampiamente collaudato – di arredare gli immobili vuoti. 
Questo ti permette di innalzarti al di sopra della concorrenza, lasciando a loro il compito di 

  • “spiegare gli spazi” a chi vuole acquistare casa
  • “superare le obiezioni” di chi la vuole vendere 

Nel frattempo tu acquisisci gli incarichi e concludi le vendite mentre loro si occupano di queste incombenze.

Leggi cosa ne pensa  a questo proposito Gerardo Paterna, consulente e blogger immobiliare, autore del libro “Comprare e Vendere Casa” e conduttore di RETV, la TV dedicata agli agenti immobiliari.
In oltre 20 anni di esperienza nel settore ha collaborato con le maggiori realtà immobiliari italiane come RE/MAX, Realisti.co e tante altre.

Gerardo Paterna

“Fabiano è un bell’esempio di coraggio nel fare startup e innovazione nel settore immobiliare.
Con la sua RE.DA. sta semplificando il concetto di “presentazione dell’immobile in vendita”, supportando il lavoro dell’agente immobiliare evoluto e dei professionisti dell’ home staging.
L’idea dell’arredo in cartone è efficace ed economicamente conveniente, rende accogliente l’immobile nuovo e “vuoto” e trasferisce molto bene il concetto di “abitabilità” anche a quegli ambienti meno facili da presentare per condizioni di manutenzione e vetustà.
Per gli addetti ai lavori RE.DA. è un’opportunità concreta per qualificare il servizio reso ai clienti, sia venditori che acquirenti.
Difficile farne a meno.”

Se sei stufo di spiegare gli spazi a parole ora puoi lasciare che sia l’arredo stesso a farlo, in modo concreto e preciso, al tuo posto.
Se sei stufo di dover superare le obiezioni in fase di trattativa, puoi differenziarti ed essere il primo a proporre il servizio che le risolve a monte. 

Fai anche tu il tuo primo, piccolo, passo all’interno dell’ Arredo Realistico:

Scarica il catalogo: https://bit.ly/2JP7Edw
Acquista il campionario, lo strumento di marketing ideale per stupire i tuoi clienti.
Mostra loro i campioni e divertiti a guardare la reazione quando si accorgono del grado di realismo della nostra stampa ad alta definizione.
Inoltre, assieme al campionario ricevi la versione cartacea del catalogo.
Acquistalo ora:  https://bit.ly/2Yelmwz

Un saluto ai professionisti!

Fabiano Gollo
Fondatore
RE.DA – Arredo Realistico in Cartone

L'articolo Home staging: conviene farselo da soli? Scopri tutti i costi proviene da RE.DA.

]]>
https://www.arredorealistico.com/home-staging-conviene-farselo-da-soli-scopri-tutti-i-costi/feed/ 0